lunedì 18 giugno 2018

Tarocchi classici: Arcani Maggiori. Il Carro/16






Carissimi, il nostro viaggio tra gli Arcani Maggiori continua.
Avevamo incontrato L’Innamorato, una lama attraverso cui ci siamo trovati di fronte a una scelta, una scelta fatta con l’anima, ora incontriamo il settimo Arcano, Il Carro. I significati di questa lama sono molteplici, ve ne accorgerete presto.
Andiamo a conoscerli!



Anche se incappiamo subito in un giovane principe, il nome di questa carta non allude al personaggio, com’era sempre accaduto finora, ma al veicolo sul quale egli viaggia: il Carro, appunto.
Iniziamo dicendo che ci troviamo di fronte a una lama che parla di azione, di movimento. Anche il numero abbinato a questo Tarocco, il VII, è un numero primo,  divisibile solo per se stesso e che appartiene, dunque, anche alla famiglia dei numeri infiniti. Questo numero, fin dall’antichità, è stato considerato sacro, potente, magico e di buon auspicio, basterà ricordare i sette colori dell’arcobaleno, le sette note musicali, i Sette Spiriti di Dio citati nell’Apocalisse (usati anche per riferirsi alla perfezione e al completamento), i sette vizi e le sette virtù, i sette arcangeli della tradizione giudaica del Libro di Enoch, i sette giorni della settimana, i sette pianeti dell’astronomia antica, i sette sigilli dell’Apocalisse, i sette sacramenti,…

“Sinassi dell’Arcangelo Michele”.
Icona ortodossa dei sette Arcangeli,
Chiesa Ortodossa Russa, di Nižnij Novgorod,
dell’Assemblea dell’Arcangelo Michele.
 Tempera su legno, XIX sec.
Da sinistra a destra: Jegudiel, Gabriel, Selaphiel,
Michael, Uriel, Raphael, e Barachiel.
Sotto la mandorla del Cristo Emmanuele
sono rappresentati due Cherubini (in blu)
e un Serafino (in rosso).

Proseguendo nella mia ricerca, vi propongo anche questa coincidenza: ritroviamo il numero sette e il carro anche ne La Divina Commedia di Dante, nel Canto XXIX. Qui, Dante e Matelda risalgono le sponde del fiume Lete. Poco lontano, a Dante sembra di vedere nell’aria sette alberi d’oro, che però quando si avvicina gli appaiono chiaramente come sette candelabri che risplendono in modo tale da rischiarare tutto il cielo. Matelda invita il poeta a osservare non solo i candelabri, ma ciò che avviene dentro ad essi e Dante nota sette liste luminose, lasciate dalle lampade, simili ai colori dell'arcobaleno. Dietro ai candelabri avanzano ventiquattro vecchi che cantano le lodi alla Vergine e, al loro seguito, giungono quattro animali che circondano un carro trionfale a due ruote… :

Ed ecco un lustro sùbito trascorse
da tutte parti per la gran foresta,
tal che di balenar mi mise in forse...
Sotto così bel ciel com’io diviso,
ventiquattro seniori, a due a due,
coronati venien di fiordaliso [...]
Lo spazio dentro a lor quattro contenne
un carro, in su due rote, triunfale,
ch’al collo d’un grifon tirato venne[...].

Beatrice incontra Dante, William Blake

Tornando ai Tarocchi di Marsiglia, e ai significati di questa carta sottolineati da Jodorowsky e Tuan, ci soffermiamo  sul suo aspetto iconografico. Ecco, infatti, davanti a noi un Carro di forma cubica, sormontato da un baldacchino e trainato da due cavalli, i quali tirano in due direzioni opposte, pur guardando entrambi a destra, cioè nella stessa direzione in cui guarda il conducente. Questo conducente, come abbiamo già detto, è un giovane principe, il quale regge uno scettro d’oro nella mano destra.
Com’è possibile vedere nella rappresentazione, il principe non ha bisogno di usare le briglie per condurre il carro, gli basta la sua asta dorata con la quale capta le energie del mondo e dirige il cocchio.
I due cavalli rappresentano le forze vitali, gli istinti abissali e la ragione. In pratica, il Carro può essere interpretato anche come la mente. Per esempio, Platone, nel suo Fedro, descrive la mente come un carro trainato da un cavallo bianco e uno nero (rispettivamente l’istinto e la ragione).
Già da questi pochi elementi è chiaro che il principe, che vediamo all’interno di questo veicolo, domina, sicuro, la situazione e, nonostante la quiete del suo apparire, egli vigila con riflessi prontissimi. Il suo scettro domina la vita materiale. Sulle spalle di questo personaggio vediamo due maschere, due mezze lune, che potrebbero rappresentare il passato e il futuro, oppure il positivo e il negativo, o il tempo e lo spazio, oppure, come suggerisce Laura Tuan, potrebbero rappresentare le emozioni, gli istinti sui quali ha già ottenuto il dominio.
Il Carro, infatti, è una lama che ci parla di mistero: il mistero esteriore il cui scopo è quello di condurci al mistero interiore.
Abbiamo detto che i due cavalli trainano in due direzioni opposte, ma essi hanno una meta comune, poiché, come il guidatore, guardano entrambi a destra. Quindi, tra i tanti significati, abbiamo l’unità di intenti e l’unità di direzione.
Le quattro colonne che racchiudono lo spazio in cui il giovane si muove fanno riferimento, sia alle colonne del Tempio, sia ai quattro elementi (acqua, terra, fuoco, aria).
Il principe si trova in alto e in questa posizione riesce ad avere un punto di vista superiore e centrale che gli consente di superare il concetto di dualità delle cose.
Questa situazione di equilibrio dato dal movimento e di movimento, dato dall’equilibrio, rimanda a una condizione di dinamismo che ci ricorda il senso de I’Ching: “l’esistenza si costruisce sul mutamento”.
Così come per gli orientali è chiaro che tutto nell’universo avviene costantemente attraverso il trapasso di un fenomeno in un altro, anche nei Tarocchi di Marsiglia è altrettanto chiaro che non ci si possa sottrarre a questa legge. Non per nulla il Carro ci ricorda quanto sia importante procedere verso una direzione unitaria per andare incontro a un processo di trasformazione.
Ecco, dunque, un altro importante significato di questa carta che ci indica un importante punto di svolta sul cammino spirituale in cui è vitale domandarsi come ci stiamo muovendo sul sentiero, mettendo alla prova i nostri pregiudizi e i nostri modelli routinari.
Continuando a guardare Il Carro, ci accorgiamo che sembra quasi di vedere il carro di Helios, il Sole, che percorreva la volta celeste dall’alba al tramonto per tuffarsi poi negli abissi del maree illuminare, così, il mondo intero.

Il carro di Helios ci riporta anche al Carro di Fuoco di Elia, citato nell’Antico Testamento, nel Secondo Libro dei Re, Capitolo 2: “Mentre camminavano conversando, ecco un carro di fuoco e cavalli di fuoco si interposero fra loro due. Elia salì nel turbine verso il cielo.”

Ascensione al cielo del profeta Elia, Novgorod,
seconda metà del XIII secolo
L’iconografia cristiana delle origini ha utilizzato spesso iconografie pagane, in particolare nei primi tre secoli. Due di queste sono il Sol radiante e il Carro di sole, entrambi collegati al concetto di Sol Invictus.  
Un mosaico forse raffigurante Gesù come Apollo-Helios è stato scoperto in un mausoleo sotto la basilica di San Pietro e datato circa al 250, nel periodo cioè delle persecuzioni di Valeriano. La valenza cristiana del mosaico si dedurrebbe dai tralci di vite che circondano l’immagine del dio Helios.

Mosaico del III secolo nella Necropoli vaticana
sotto la basilica di San Pietro
In pratica, l’arcano Il Carro potrebbe avere un collegamento anche con la festività del Dies Natalis Solis Invicti (“Giorno di nascita del Sole Invitto”) che, fin dall’antichità, veniva celebrata nel momento dell’anno in cui la durata del giorno cominciava ad aumentare dopo il solstizio d’inverno: la “rinascita” del sole.

Fondamentalmente, il Carro indica lo stato di colui che riesce a dominare ogni aspetto della propria vita, servendosene per andare avanti.
Di conseguenza, questo Arcano ci richiama a prestare attenzione alla nostra disposizione mentale e spirituale nel momento in cui ci attiviamo per affrontare i nostri problemi.

Pertanto, Il Carro, è una carta di trionfo sugli eventi, sulle difficoltà. Rappresenta anche (o soprattutto) la traversata dell’uomo nella materia per raggiungere il mondo spirituale.
È una carta che parla di impegno da prendere in fretta, ci parla di proseguimento nella ricerca del sé, evoca la ricerca alchemica.
In particolare, vi segnalo un paio di passaggi della lettura di questo arcano, rispettivamente da parte di Jodorowsky e Tuan.
Secondo Jodorowsky:
“Si tratta di una carta che cammina verso il successo. Gli unici pericoli sono l’imprudenza e l’inflessibilità del conquistatore, che non ha dubbi circa la legittimità della sua conquista… Il Carro incita a porsi delle domande sui mezzi che si utilizzano per intervenire sul mondo e sul modo con cui uno guida la propria vita”  
Secondo Tuan:
“Maturato attraverso le scelte e le prove, il consultante sperimenta una nuova condizione di consapevolezza, stabilità emotiva, fiducia in se stesso, autocontrollo. Una nuova fase, attiva ed energica dell’esistenza, arricchita da progetti, conquiste, riuscita ottenuta grazie alle proprie capacità direttive e alla facoltà di persuadere facilmente chi incontra… Carta di espansione e di massima indipendenza, non esclude tuttavia qualche rischio… Non mancheranno gli aiuti insperati, protezioni, appoggi: un periodo di lotta e di esperienza, spesso solitaria, estremamente fecondo”  

Bene, cari amici, cosa pensate di questo tarocco? Siete rimasti colpiti da qualche suo dettaglio? Da cosa, eventualmente, e perché?

Buon proseguimento di settimana e a presto! :)



BIBLIOGRAFIA:
La Via dei Tarocchi, Alejandro Jodorowsky e Marianne Costa, Universale Economica Feltrinelli
Il Linguaggio segreto dei Tarocchi, Laura Tuan, De vecchi Editore

ICONOGRAFIA:
“Sinassi dell’Arcangelo Michele”. Icona ortodossa dei sette Arcangeli presso la Chiesa Ortodossa Russa, di Nižnij Novgorod, dell’Assemblea dell’Arcangelo Michele. Tempera su legno, XIX sec. Wikipedia
Beatrice incontra Dante, William Blake, Tate Britain, Londra, 1824 – 1827, Wikipedia
Ascensione al cielo del profeta Elia, Novgorod, seconda metà del XIII secolo, tempera su tavola, Collezione Intesa Sanpaolo, Gallerie d’Italia - Palazzo Leoni Montanari, Vicenza.
Sol Invictus, Wikipedia
Mosaico sotto la Basilica di San Pietro, Wikipedia
  

16 commenti:

  1. Resto sempre perplesso nel sentir dire 7 note, quando poi son 12...
    Comunque in alcune raffigurazioni invece dei due cavalli c'è una coppia di sfingi, ma sempre una bianca e una nera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la tradizione parla di sette note, non è una mia idea
      In questa mia rubrica, inoltre, mi occupo esclusivamente di Tarocchi di Marsiglia e in queste lame il carro è trainato sempre e solo da cavalli.
      In altri mazzi, invece, come quello di With e di Rider, le sfingi prendono il posto dei cavalli, tuttavia questi non sono tarocchi classici :)

      Elimina
  2. Mi incuriosisce quella specie di stemma al centro tra i due cavalli dalla forma così particolare. Nessuno dei tuoi autori di riferimento dice qualcosa al riguardo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il blasone è sempre presente nella lama del mazzo dei Tarocchi di Marsiglia, ma a seconda dell’autore delle varie rappresentazioni può ospitare iniziali diverse (nel caso del mio mazzo, C.B.), oppure simboli diversi. Hai posto una bella domanda, complimenti!
      Per esempio, Jodorowsky ha realizzato un mazzo nel quale il blasone tra i due cavalli, nell’arcano de Il Carro, contiene una goccia verde che sta a raffigurare una goccia di eternità incastonata nella mente e quella goccia sarebbe l’unico atomo, di tutto l’organismo umano, a sopravvivere dopo la morte fisica.
      Grazie del passaggio, Ivano, e a presto! :)

      Elimina
    2. Grazie a te, soprattutto per questa ultima informazione sui blasoni che mi era ignota :-)

      Elimina
  3. Mi colpiscono i significati di questo tarocco, più che un suo dettaglio specifico. La capacità di dominare ogni aspetto della propria vita e servirsene per andare avanti è preziosa! Inoltre l’unità di intenti e di direzione è un concetto fondamentale che ultimamente mi si ripresenta spesso. Bel post! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grazia, è vero, si tratta di significati rilevanti e molto positivi!
      Il rischio in questo caso è l'insorgere dell'arroganza nel senso che, sentendoci estremamente sicuri, tendiamo a pensarci già in possesso di una consapevolezza ancora lontana dall'essere acquisita, allentando o rifiutando il legame con i veri maestri.
      Il monito è dunque ad agire con il cuore del fanciullo innocente.
      Sono contenta che ti sia piaciuto il post, ti abbraccio! :)

      Elimina
  4. Il carro peraltro rappresenta anche il nostro equilibrio interiore e le possibilità postivive o negative di realizzare qualcosa.
    I cavalli, infatti, sono una ripresa dei famosi cavalli di Platone.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Esattamente, grazie del contributo, cara Francesca!
    Per questioni di economia mi ero limitata a citare Platone, in riferimento ai cavalli, solo in termini di istinti e ragione. Il bello di questi post, dopotutto, è poter discutere con ciascuno di voi dei tanti significati della simbologia dell'arcano allo studio e, infatti, emergono sempre molte cose interessanti!
    Ricambio l'abbraccio :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Clementina!
    Il tuo blog è davvero interessante, complimenti. Appena scopro come si fa ti seguo (sono nuova su blogger, ancora mi devo ambientare!).
    Questo articolo è molto utile, ho sempre voluto approfondire il significato dei tarocchi ma non ho mai trovato il tempo necessario. Interessante anche la relazione con l'opera dantesca, sicuramente molto significativa dal punto di vista simbolico. Per quanto riguarda il Sol Invictus, moltissimi studiosi relazionano la tradizione pagana con l'istituzione della festa del Natale, soprattutto per mano dell'imperatore Costantino, legando quindi la nascita del sole alla nascita di Gesù. Ma poi ci si addentrerebbe in significati troppo filologici ahahah :)
    In ogni caso, piacere di conoscerti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Diana, anzitutto grazie dell'apprezzamento e benvenuta sul mio blog! :)
      È vero: le connessioni tra Sol Invictus e la festività del Natale sono state evidenziate da molti studiosi. Non mi sono addentrata nella questione di proposito, ma ho preferito lasciare ai lettori la possibilità di tirare o meno le fila del discorso... ahahaah! :)
      Inoltre, visto che hai gradito, ti informo che questo post appartiene a una rubrica interamente dedicata ai tarocchi di Marsiglia. Se ti va, puoi approfondire anche il significato delle precedenti lame, cliccando su questo link
      http://langolodicle.blogspot.com/p/arcani.html?m=0

      dove troverai l'intera raccolta!
      È un vero piacere aver fatto la tua conoscenza, ma sei anche tu una blogger?
      In caso affermativo, dove posso seguirti?
      A presto rileggerci e buon weekend!

      Elimina
    2. Grazie a te! :)
      Sì è vero, hai fatto benissimo! Non si sa mai che si va a toccare qualche tasto dolente fra storia delle religioni - paganesimo e chissà che altro ahahah!
      Grazie mille per avermi segnalato il tuo link! È davvero molto interessante, sicuramente andrò a leggermi anche gli altri articoli! Salvo fra i preferiti! :)

      E sì, anche io ho un blog! L'ho aperto da pochissimo, ecco il link: http://loveculturelanguage.blogspot.com così ci seguiamo a vicenda! :) Spero troverai interessanti i miei articoli :)

      Ancora piacere mio! A presto e buon weekend anche a te!

      Elimina
    3. Sono venuta a leggere e ad apprezzare! :)
      Ti inserisco nella mia blogroll, a presto :)

      Elimina
  7. Ciao Clem, rieccomi! Carta dai significati assai importanti, direi. A me colpisce molto l'assenza nelle briglie nel condurre il carro, segno di fortissima volontà. Anch'io, come Ivano, mi ero chiesta che cosa fossero le lettere C.B. :)
    Le immagini che hai postato sono splendide, una più bella dell'altra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cri, carissima, bentornata! :)
      Dici bene: una volontà di ferro, anzi, al giorno d'oggi, potremmo dire di tungsteno ;-) e quella è una caratteristica che fa davvero la differenza...
      Un mega abbraccio e in bocca al lupo per tutto: baciiii :)

      Elimina
  8. Ciao Clementina, finalmente riesco a passare a trovarti :)
    Sulla carta è stato detto tutto o quasi; da come la vedo io, mi pare più un re (sulla sommità del capo vi è una corona) che un principe ;)
    Sai raccontare i tarocchi in modo unico, con tanti riferimenti e intrecci storici, quel tanto per incuriosire e non appesantire. E' la cosa che apprezzo di più dei tuoi post sul tema :)
    Una lama interessante, soprattutto nel concetto di "trionfo" sugli eventi dopo un periodo di lotta solitaria ed esperienza, qualificate da te, non a caso, come feconde nei termini spirituali e materiali che necessitano di essere integrati. Mi manca solo il trionfo 😂😂😂 e qualche aiutino, appunto insperato 😉
    Un abbraccio
    Marina

    RispondiElimina

dani.sanguanini@gmail.com